Noi conosciamo la verità

0
1122

L’ultima vicenda è l’ennesima esemplificazione della piccolezza di certi personaggi che per nostra sfortuna ci ritroviamo alla guida di questa società. Noi tifosi conosciamo la verità anche se nessuno ce l’ha detta o suggerita. I giornalisti non c’entrano, oramai la serietà e la correttezza professionale non sono più qualità pretese per questo mestiere, non portano pene, le pene sono di altri.

Questa è una faida interna portata avanti in maniera anche molto goffa e questo dà la cifra del livello delle persone coinvolte. Il motivo della faida? come sempre, o quasi, il potere, acquisire quote di potere, liberarsi di personaggi scomodi perché troppo forti e ingerenti e per qualcuno ingombranti all’interno della società.

Per usare un termine caro a De Laurentis, c’è chi vuole un cleaning e lo sta attuando.

La società non smentisce la vicenda, sicuramente c’è stato qualche chiarimento o scontro, probabilmente anche forte, vista la disastrosa campagna acquisti&cessioni delle ultime stagioni, in più illusi, tutti, dall’arrivo del Mago di Siviglia.

Un chiarimento, probabilmente volevano un chiarimento i giocatori più forti ed emblematici della squadra, chiamati senatori, con accezione negativa (già qui si mostra evidente la malafede), che avrebbero voluto e meritato dei rinforzi all’altezza delle loro abilità e invece si sono visti arrivare dei colleghi non congrui alle loro aspettative. Già allora apparvero a noi non tecnici inadeguati, immaginiamoci nello spogliatoio, veder partire due di alto calibro, amici, tifosi, fedeli alla causa, e per chi…. Lo sappiamo, già se ne è discusso molto di questo. Allora uno scontro franco e diretto portato avanti da chi doveva farlo, cioè il capitano della squadra, ora viene narrato da veline imboccate da biechi personaggi come un tentativo di ricatto, e magari una frase come “co’ sta squadra rischiamo de arrivà decimi” viene volutamente contorta ad uso e consumo di interessi privatissimi.

Questa è solo una suggestione,  ma appare molto più realistica della merce spacciata per scoop giornalistico sui rotocalchi mainstream.

Evito di commentare altre incongruenza di questa vicenda, e ce ne sono molte, ma appare chiaro l’intento volitivo di questa azione, quello che non è chiaro è se i giocatori simbolo di questa squadra sono gli unici obiettivi o magari c’è dell’altro.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here